Share

Solfeggio in Rete: come creare un semplice Brano Musicale

il solfeggio in reteSai che comporre un brano musicale è alla portata di tutti?

Le informazioni che troverai riguardo al solfeggio in rete, tramite questo blog, ti daranno spunti utilissimi.

Prima te ne parlo portandoti subito un esempio tratto dalla mia esperienza e che già ti avevo menzionato in un precedente articolo.

Tra i miei allievi ne ho uno di appena 6 anni

Dopo aver iniziato con me lo studio del solfeggio e del violoncello, l’ho spinto a comporre dei semplici brani di breve durata.

Dandogli alcune semplici regole ed utilizzando la matematica (ti ricordo che stiamo parlando sempre di un bambino di 6 anni) è riuscito in 4 lezioni a scrivere dei brani.

Dapprima pensava fosse una cosa impossibile, ora addirittura si diverte a scriverli.

Ciò accade perché con il giusto metodo si possono raggiungere risultati impensabili !!! 

La potenzialità che abita in ognuno di noi ha bisogno di essere tirata fuori attraverso le capacità che fanno di un insegnante un ottimo maestro !

Tramite il solfeggio in rete che troverai qui potrai scoprire le tue potenzialità.

Dopo aver fatto questa doverosa premessa, vediamo alcune basi da cui partire per creare un semplice brano musicale.

Accedi GRATIS alla 1° Lezione di Solfeggio Musicale

Iniziamo scegliendo una tonalità di partenza:

DO MAGGIORE

Cosa significa scrivere un brano in DO MAGGIORE?

Per renderti chiara l’idea, la tonalità di do maggiore si utilizza suonando solo i tasti bianchi del pianoforte.

Che note sono i tasti bianchi del pianoforte?

DO – RE – MI – FA – SOL – LA – SI

Ora abbiamo bisogno del pentagramma:

il pentagramma

ed in fine vediamo come si collocano le NOTE che utilizzeremo sul pentagramma:

scala-di-do

Con le basi che ti offre questo articolo sul solfeggio in rete possiamo iniziare a scrivere, e lo faremo seguendo tre semplici regole:

  1. ALTERNANZA MELODICA 
  2. ALTERNANZA RITMICA 
  3. CADENZA FINALE 

Ora scegliamo alcuni simboli da utilizzar per le note:

i valori musicali

A questo punto possiamo iniziare a comporre, ricorda le tre regole:

1) ALTERNANZA RITMICA

l'alternanza ritmica

Come puoi vedere si alternano i vari simboli relativi alle note, in modo da creare una sensazione di movimento e ritmo.

La prima regola che memorizzerai alla fine di questo articolo sul solfeggio in rete: l’alternanza ritmica è il primo passo da realizzare.

Portandoti ad esempio un paragone, è come costruire le fondamenta di una bella casa… se le fondamenta sono forti e solide e soprattutto costruite con cura, la casa avrà grande stabilità e valore!

2) ALTERNANZA MELODICA

alternanza-melodica

Partendo dalla sequenza che abbiamo creato nell’alternanza ritmica, sostituiamo solamente le note, perciò partiamo dal do e successivamente posizioniamo alcune note vicine (cioè rigo e spazio consecutivo) e ogni tanto qualcuna meno vicina (ad es. rigo e rigo successivo, cioè saltando uno spazio).

3) CADENZA

la cadenza

La cadenza è fondamentale per terminare il brano.

CADENZA: REGOLA FONDAMENTALE

La penultima nota dovrà essere SOL (la 5° nota della scala) e l’ultima DO (la 1° nota della scala)

 Ora, grazie alle nozioni che ti ho trasmesso in queste righe sul solfeggio in rete, hai tutte le basi per creare, modellare ed affinare i tuoi brani !

Nell’immagine qui sotto trovi un esempio di come viene composto un semplice brano:

semplice brano

brano1

5 commenti
  1. Mario Cimino
    Mario Cimino dice:

    Vorrei saper perché la penultima nota deve essere necessariamente la 5° e l’ultima la prima? Vale per tutte le scale? Ad esempio, se avessi usato la scala di mi bemolle avremmo dovuto applicare la stessa regola? Grazie.

    Rispondi
    • Solfeggio Musicale
      Solfeggio Musicale dice:

      Ciao Mario,
      questa è una regola base.
      Secondariamente, a seconda del genere musicale per cui si vuole scrivere, si può variare ma sempre tenendo conto che l’orecchio umano percepisce se la nota finale è relazionata alla tonalità del brano.
      Per info e curiosità non esitare a contattarmi 😉
      Matteo

      Rispondi
  2. Sergio
    Sergio dice:

    Io non posso contribuire, non so niente di solfeggio e sono soltanto 3 mesi che ho iniziato a studiare la chitarra, ma sono interessato alla composizione

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share