Share

Lezioni di Musica

Le lezioni di MusicaSento sempre parlare di lezioni di teoria musicale e studio.

Ma un atleta prende lezioni e studia ?

Beh non è proprio così, un bravo atleta ha un motivatore come coach e poi si allena!!

Sembra un concetto semplice, ed in effetti lo è.

Ma spesso ci si scorda che lo studio può diventare noioso, mentre avere un piano di allenamento dinamico su cui prepararsi fa la Differenza sul piano della qualità.

Le lezioni di musica fatte con lungimiranza, devono essere intese come un atleta che si allena: il suo coach deve essere qualificato ed avere il giusto piano di lavoro per tirare fuori il meglio dal musicista che sarà.

Così ho cresciuto e fatto esplodere il talento di molti dei miei alunni.

Un’ altra caratteristica delle lezioni di musica e’ la distribuzione del tempo-

Spesso sento parlare di appuntamenti fissi di mezz’ora, oppure 1 ora.

Ma come per un atleta il tempo e’ relativo alla forma fisica, alla resistenza, all’esperienza.

A seconda dei periodi questi aspetti possono avere pesi diversi, percio’ l’ideale e’ non stressare corpo e mente ma dosare le forze.

Per questo le mie lezioni di musica le fruisco con tempi diversi a seconda della persona e del tema trattato.

Ricordo una mia allieva che doveva prepararsi per passare l’esame di solfeggio al quale era stata bocciata nella prima sessione.

Iniziammo le prime lezioni di solfeggio e non reggeva più di 15 minuti di esercizi.

Portandola gradualmente ad aumentare il livello tecnico e mentale siamo arrivati a fare un massimo di 3 ore di lezioni di teoria musicale

Lo studio ha bisogno di essere svolto in modo moderno.

E’ come per la tecnologia, se si va avanti e’ obsoleto usare mezzi antichi.

Il maestro che ricordo con più piacere e’ il mio maestro di armonia non che eccellente pianista.

Mi faceva lezioni di musica e armonia singole da 1 ora e 40 minuti tutte a livello molto alto, ed era bravissimo a tenere alta la concentrazione svolgendo una lezione molto divertente e dinamica su di una materia tanto splendida quanto difficile.

Accedi GRATIS alla 1° Lezione di Solfeggio Musicale

La frase che amo sempre ricordare e’:

“Se non sai spiegare una cosa difficile in modo semplice non l’hai capita!”

Ed e’ proprio così, non esistono geni ed incapaci ma esistono coloro che si annoiano e i piu’ bravi che si divertono imparando.

Il succo e’ tutto qui!

La teoria musicale intesa come “imparo tutto a memoria così divento bravo” non funziona più.

I tempi si sono evoluti a tal punto che il modo migliore resta capire la teoria musicale attraverso la pratica.

Per concludere con un esempio pratico ora ti spiego la definizione di sincope musicale attraverso la pratica:

“Quando ci accade qualcosa di bello sentiamo il ritmo del nostro cuore prendere un ritmo leggermente diverso da quello regolare, per poi ritornarvici: questa è la sincope”

Un altro esempio per spiegare gli arpeggi semplici relativi alla teoria musicale:

“immaginate di salire una scala di un centro commerciale, il primo gradino lo chiameremo do e saliamo per sei gradini saltandone sempre uno; risultato avremo toccato 3 gradini che sono rispettivamente Do Mi e Sol, cioè le note dell’arpeggio semplice di DO”

La Musica nasce dalla parola Musa cioè Dea Ispiratrice, appunto l’ispirazione deve essere il carburante per procedere con costanza nella crescita musicale!

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share