Share

Solfeggio Pratico

Teoria e pratica spesso vengono separate.

Secondo te è possibile usarle insieme?

Per la mia ormai ventennale esperienza, accorpare la teoria con la pratica dà risultati vincenti!!!

Da piccolo mi chiedevo sempre com’ era possibile studiare tante cose se poi le potevi mettere in pratica tardivamente.

Quello che applico nel mio metodo del solfeggio pratico, è studiare la teoria attraverso la pratica, ti porto subito un esempio pratico.

Se spiego ad un mio allievo il valore delle note, il loro simbolo e come si mettono sul pentagramma già sono troppe informazioni da memorizzare senza utilizzarle musicalmente.

Che vuol dire?

Che intanto parlo al mio alunno del valore delle note portandogli esempi reali:

  • Produci un suono con la voce ed intanto io batto il tempo con le mani
  • Conta quante volte batto prima di fermarti
  • Questo lo faccio per la note che vale 1, 2 e 3

In questo modo ho spiegato la teoria attraverso la pratica, semplice ed efficace!!

Ma ora veniamo all’applicazione della teoria sullo strumento musicale o sulla la voce, tramite il solfeggio pratico.

Es. Lezione numero 5: la scala di Do maggiore!!

Che senso ha spiegare sulla lavagna, bianco su nero, o su di un quaderno nero su bianco, colori noiosi tristi e poco stimolanti per la mente umana!?

Io ti spiego la scala facendotela suonare a te allievo sul pianoforte applicando il solfeggio pratico.

Anche se non la conosci, segui i miei passi e la capirai subito toccando con mano.

Questo serve per svegliare il nostro cervello, sensazione tattile, colori e movimento; poi con la dovuta calma e analisi si approfondisci tramite i libri.

Sai perché il nostro cervello è più stimolato a lavorare in questo modo?

Ti porto subito un esempio:

Quando leggi il titolo di un articolo o di un post su internet cosa ti fa cliccare per apporfondire l’argomento?   ..  …  ..

Accedi GRATIS alla 1° Lezione di Solfeggio Musicale

La CURIOSITA’!! ESATTO, il nostro cervello ha bisogno di sentirsi curioso per lavorare a pieni ritmi!!

Ora puoi immaginare quanto possa essere essenziale usare il metodo del solfeggio pratico che ti permetta di motivarti continuamente.

Se la tua sete di conoscenza aumenta con il passare del tempo allora hai trovato la soluzione perfetta: migliorerai continuamente!

Mi ricordo che per affrontare i primi esami del mio strumento in conservatorio la mia insegnante mi faceva ripetere parti del brano ogni volta che sbagliavo, non mi faceva mai un’ esecuzione da capo in fondo ed io dovevo trovare da solo il giusto suono.

Cosi mi irrigidivo e suonavo sempre peggio!

Non servivano a niente le mie ore di studio perché senza il giusto metodo del solfeggio pratico venivano vanificate da mente e corpo che si chiudevano.

Poi ho fatto un grande lavoro su me stesso cercando il modo di divertirmi anche se facevo qualcosa di difficile.

Il risultato? Ho cambiato completamente modo di suonare.

Mi sentivo libero, sciolto nei movimenti e soprattutto padrone dei miei movimenti, applicando il solfeggio pratico.

Quando mente e corpo giocano come due bambini possono fare cose incredibili!!

Oggi cerco di trasmettere questa libertà e spensieratezza a tutti i miei allievi.

Il sistema scolastico ci impone sin da piccoli ad imparare nozioni a raffica per poi applicarne nella vita reale un minima parte.

Ricordo che da piccolino odiavo imparare la Storia.

Oggi potendo viaggiare o semplicemente guradando le foto di monumnenti o città storiche il mio cervello si incuriosice a tal punto da approfondire così tanto da trovare dettagli che neanche nei comuni libri di storia troverei.

Solfeggio pratico! Questa è la chiave: dai alla tua mente la curiosità e lei ti sorprenderà!!!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share